LinkedIn Open Candidates? Non servirà a nulla. E qui ti spiego il perchè


Mirko Saini
LinkedIn Open Candidates? Non servirà a...
Mirko Saini

Mirko Saini

In mezzo a voi dal 1972, sposato con Anna, 4 figli.
Triathleta con il rugby nelle articolazioni.
LinkedIn & Social Selling Specialist
Mirko Saini

linkedin-open-candidates-min

Ho letto in questi giorni una miriade di post e condivisioni che parlavano della nuova funzione di Linkedin, l’Open Candidates, che se non lo sai è l’opzione offerta agli iscritti LinkedIn con cui poter segnalare sul proprio profilo che si è aperti a valutare nuove offerte di lavoro. Il tool è stato immediatamente ribattezzato come il sistema di cercare lavoro (o meglio rendersi disponibili a valutare offerte) all’insaputa di colleghi e capi perchè appunto nelle caratteristiche principali di questa funzione c’è appunto quella di poter “mettersi sul mercato” senza che occhi e orecchie indiscrete lo sappiano. E fin qui nulla di che, ci mancherebbe.

Piccolo particolare a mio avviso trascurato. E’ uno strumento inutile e oltretutto penalizzante per chi ne farà uso. Ora ti spiego perchè.

1 – Sarà inutile per il Recruiter

Da sempre ad un selezionatore poco importa se scrivi o meno a caratteri cubitali sul tuo profilo che sei alla ricerca o sei disponibile a valutare nuove offerte od opportunità lavorative.

Se il tuo profilo è in linea con ciò che cerca stai certi che ti chiamerà. Lo farà perchè è il suo mestiere e non sarà certo una “lucetta verde” posta sul profilo ad aumentare le chance di carriera. Un recruitment è abituato a cercare. Sa che i profili più interessanti sono quelli che tutti vogliono e sono quelli che per questo non sono certo insoddisfatti del loro lavoro. Anzi.

Un recruitment è abituato ad un mercato fatto per lo più da candidati passivi. E questo da sempre.

2 – Sarà dannoso per il candidato

Mi ricordo che una delle prime volte che sono uscito in affiancamento con un senior della vendita (oramai circa 20 anni fa), questi mi prese da parte e mi disse: “Ricordati Mirko, quando vendi devi mostrare il meglio di te. Abito, orologio, gadget vari, postura, uso delle parole. Questo perchè il tuo potenziale cliente deve avere la sensazione che tu non hai bisogno di quella vendita per sbarcare il lunario. Se no se ne approffitterà scatenando una battaglia per il prezzo che sicuramente perderai. Di contro, se invece devi acquistare devi adottare la tatttica opposta: profilo basso. Così ti sarà più semplice ottenere un buono sconto

Tutto questo per dirvi cosa. Che la “Lucetta Verde” dell’Open Candidates non farà altro che mettervi in una posizione svantaggiata facendo di voi una persona scontenta del proprio lavoro e alla ricerca di alternative. Questo inciderà sui rapporti di forza e sull’entità della proposta economica che riceverai. Farai passare il messaggio che non sei contento e stai solo aspettando l’occasione (qualunque occasione) per fuggire da dove lavori. Anche a costo di rimetterci economicamente. E’ quello che vuoi? Non credo proprio.

Cosa fare quindi?

Più che preoccuparti di mostrare o meno la tuo disponibilità a valutare offerte, devi concentrarti su ciò che muove e genera l’opportinità. Devi cercare di fare tutto per essere notato e far si che il tuo profilo sia in linea con le aspettative di un selezionatore che per lavoro deve soddisfare le richieste dell’Azienda che gli ha dato il mandato di ricerca.

Devi renderti appetibile e vedrai che dell’Open Candidates non ne avrai bisogno. Anche perchè, parliamo chiaro, secondo te cosa farà un selezionatore dopo aver visto la “lucetta verde” accesa su un profilo mal scritto e mal confezionato? Semplice. Passerà oltre come ha fatto finora. Ti dirò di più, probabilmente al 4° o 5° profilo con l’Open Candidates acceso che lo porterà ad aver perso tempo visitando profili scarni o tristemente scritti, comincerà ad ignorare quella “lucetta verde” e fare come faceva prima.

Quindi non preoccuparti di poter finalmente accendere un’insegna al neon sul tuo profilo con su scritto “Si valutano Offerte” (con tutto quel che ne consegue) e di farlo in all’insaputa di colleghi e capi, preoccupati di avere un profilo Linkedin che faccia la differenza e preoccupati di imparare a muoverti su questo social in modo da renderti visibile, interessante e appetebile per il recruiter.

 

A proposito! Prima di salutarci. Se te lo sei perso QUI puoi scaricare il mio ultimo ebook “Come settare il pannello “Privacy & Setting” di LinkedIn e vivere felici” dove spiego nel dettaglio cosa è possibile fare in quella sezione per rendere la propria permanenze su LinkedIn più serena e felice.

Qui puoi iscriverti alla mia newsletter

E infine come di consueto Ti lascio i link degli articoli delle settimane precedenti di #LinkedInCaffè (divisi per categorie) e del mio ebook dove puoi trovare alcuni tricks per migliorare l’uso del tuo profilo LinkedIn.

Ottimizzazione Profilo

  1. 5 criteri alla base delle scelte dei tuoi clienti da tenere in considerazione nel tuo profilo LinkedIn
  2. Vuoi scrivere un profilo LinkedIn che faccia la differenza? Parti dalla fine.
  3. Ma a cosa diavolo serve LinkedIn?
  4. 4 domande da porsi prima di agire in LinkedIn (e non solo)
  5. Linkedin e la Coda Lunga: come Chris Anderson può aiutarti nella costruzione del profilo
  6. 5 ingredienti per scrivere un profilo LinkedIn che lasci il segno
  7. Come creare un’intestazione LinkedIn efficace
  8. Perchè chiedere un Endorsement in LinkedIn fa bene alla reputazione
  9. Catturare, rapire e ingolosire il nostro pubblico usando il nostro percorso professionale in LinkedIn
  10. Come trovare e leggere le statistiche del tuo profilo
  11. 35 errori da non fare in LinkedIn
  12. Come farsi trovare in LinkedIn
  13. Usi una di queste 10 “overused buzzword” per descriverti in Linkedin? Ecco che cosa rischi
  14. 20 (-1) LinkedIn Tips & Tricks per migliorare la tua presenza sul social
  15. Privacy LinkedIn: alcune cose da sapere per cavalcare la tigre.
  16. Come bloccare, segnalare o rimuovere un contatto in LinkedIn
  17. Perchè utilizzare Linkedin per fare Personal Branding?
  18. Fai il tagliando al tuo LinkedIn!
  19. Miti e luoghi comuni da sfatare su LinkedIn

Pulse & Blogging in LinkedIn 

  1. Come iniziare a pubblicare su LinkedIn Pulse
  2. LinkedIn e Blogging: che c’azzecca?
  3. LinkedIn Pulse: opportunità o occasione mancata?
  4. LinkedIn Pulse: long post o preview?
  5. Linkedin Pulse: meglio l’uovo oggi o la gallina domani?

LinkedIn Strategy | Tips & Tricks

  1. Chiamata a freddo: come eliminarla con LinkedIn
  2. Vuoi imparare ad utilizzare LinkedIn? Crea un’abitudine
  3. LinkedIn e Rete Vendita – Affinità e Prossimità sociale come parametri per ri-organizzare la strategia commerciale
  4. Reputazione e Relazioni: i primi obiettivi su LinkedIn
  5. 10 cose da fare per smettere finalmente di lamentarsi di LinkedIn
  6. Vendere con LinkedIn – 4 errori da non commettere se non vuoi fotterti la reputazione
  7. Aziende su LinkedIn: l’ambassador marketing come strategia cardine per fare brand awareness
  8. Il contenuto come Ricompensa per il tuo pubblico in LinkedIn
  9. Se non puoi aspettare, LinkedIn non fa per te.
  10. Vendere con LinkedIn senza fare spam? Ecco come fare
  11. My Network LinkedIn – il tuo CRM dentro al social
  12. La forza dei legami deboli in LinkedIn
  13. LinkedIn Dress Code: come entrare nel salotto buono
  14. Come ampliare la propri rete di contatti in LinkedIn
  15. Tag LinkedIn: come utilizzarli per fare lead generation
  16. Calendario Attività LinkedIn: come organizzare la tua presenza sulla piattaforma
  17. Come generare lead qualificati con LinkedIn in 6 mosse [case study]
  18. LinkedIn + Facebook Ads: sinergia perfetta
  19. Come far andar d’accordo LinkedIn con i tuoi impegni
  20. Che cosa è la funzione Altri profili consultati di LinkedIn e come trarne vantaggio
  21. LinkedIn Marketing Funnel | Quando e quali strumenti utilizzare per convertire i contatti in clienti
  22. Come controllare la comunicazione di sè in LinkedIn: i 5 assiomi
  23. LinkedIn e la Sindrome di Gollum (asimmetria informativa)
  24. 3 strumenti facili da utilizzare in LinkedIn per generare contatti.
  25. InMail LinkedIn: cosa sono e come utilizzarle strategicamente
  26. Come misurare la tua attività su LinkedIn
  27. LinkedIn Social Selling Index – come utilizzare i dati per migliorare la tua presenza sul social
  28. LinkedIn Boolean Search – che cos’è e come funziona
  29. Come utilizzare la Ricerca Avanzata LinkedIn
  30. 7 passi per far sedere davanti a te il tuo potenziale cliente – LinkedIn Social Selling
  31. Messaggi LinkedIn: tutto sulle nuove funzionalità
  32. LinkedIn Relationship Tab – cos’è e come utilizzarla

Gruppi LinkedIn

  1. Gruppi LinkedIn: ecco le novità. Un bene o un male?
  2. I Gruppi di LinkedIn
  3. Come fare Comment Marketing
  4. Gruppi LinkedIn: 3 strade per scegliere
  5. Tutto (o quasi) quello che devi sapere sui Gruppi di Linkedin

Speciale Recruitment

  1. 10 cose da fare su LinkedIn per fare incazzare un HR
  2. Conoscere come viene utilizzato LinkedIn in Italia per avvantaggiarsene
  3. LinkedIn vs Recruiters: ecco come lo utilizzano in Italia
  4. Speciale HR / HH: fare recruiting con Linkedin. 

Company Page

  1. LinkedIn Company Page vs Profili Personali: Il grande Malinteso
  2. Pagina Aziendale LinkedIn: l’avamposto per la tua strategia web
  3. Come e perchè scegliere LinkedIn Ads per le tue campagne
  4. LinkedIn Company Page – 3 tricks che devi conoscere per migliorarne l’uso
  5. LinkedIn e aziende: l’ importanza dei profili dei dipendenti.
  6. Employer Branding con LinkedIn: costruire un’azienda di successo.
  7. LinkedIn Company Page – 3 cose da sapere

News & Varie

  1. Linkedin LookUp – cosa è e come utilizzarla
  2. Come LinkedIn salverà il ruolo del venditore
  3. LinkedIn acquisendo Bright mostra di voler aprirsi a tutto il m
Show Comments (0)

Comments

Related Articles

Recruitment

Speciale HR / HH – Fare Recruitment con LinkedIn

Mirko Saini

Mirko Saini

In mezzo a voi dal 1972, sposato con Anna, 4 figli.
Triathleta con il rugby nelle articolazioni.
LinkedIn & Social Selling Specialist
Mirko Saini
Per chi si occupa di comunicazione, soprattutto online come me, concetti come buyer persona, content marketing, lead generation, inbound marketing e pensare al proprio...

Posted on by Mirko Saini
Ottimizzazione Profilo

Perchè chiedere un Endorsement in LinkedIn fa bene alla reputazione

Mirko Saini

Mirko Saini

In mezzo a voi dal 1972, sposato con Anna, 4 figli.
Triathleta con il rugby nelle articolazioni.
LinkedIn & Social Selling Specialist
Mirko Saini
La reputazione è la convinzione generale o l’opinione che gli altri hanno di te. Curarla online, come offline diviene uno degli aspetti fondamentali per la costruzione del...

Posted on by Mirko Saini